L’opinione di Walter Murch sul 3D  

walter murch al montaggio di un filmSul suo blog Roger Ebert ( critico cinematografico e sceneggiatore statunitense) pubblica uno scambio epistolare pubblico con Walter Murch a proposito della funzionalità del 3D .

Murch ha senz’altro i titoli per esprimere un’opinione fondata e meritevole di attenzione: Murch, un montatore e regista statunitense, vincitore di diversi premi internazionali tra cui anche 3 premi oscar, è riconosciuto come la persona che ha coniato il termine Sound Designer e insieme con i colleghi ha sviluppato l’attuale standard di formato audio 5.1 . Tra un film e l’altro, Murch si interessa di scienza della percezione umana, cosmologia e storia della scienza.

La traduzione dalla pagina originale suona più o meno così:

L’immagine 3D è scura e di piccole dimensioni. In qualche modo gli occhiali riuniscono l’immagine che anche su uno schermo Imax enorme sembra la metà del campo di applicazione della stessa immagine vista senza occhiali.

Ho modificato un film 3D  nel 1980 – “Captain Eo” – ed ho notato che l’effetto stroboscopico del movimento orizzontale in 3D è più veloce di quanto non sia in 2D. Questo era vero allora, ed è ancora vero oggi. Ha qualcosa a che fare con la quantità di energia del cervello dedicata allo studio dei bordi delle cose.

L’oscurità e le immagini ridotte sono problemi teoricamente risolvibili. Il problema più grande con il 3D, però, è la questione “convergenza / messa a fuoco”. Il problema è che il pubblico deve concentrare i suoi occhi al piano dello schermo che dicono appaia come costante a 25 metri di distanza.

Ma i loro occhi devono convergere a forse 3 metri di distanza, poi 18 metri, poi 36 , e così via, a seconda della scena. I film 3D così ci richiedono di mettere a fuoco a una distanza e convergere in un altro. E in 600 milioni di anni di evoluzione non si è mai presentato questo problema prima. Tutti gli esseri viventi hanno gli occhi mirati e convergenti nello stesso punto.

Se guardiamo la saliera sul tavolo, 2 metri vicino a noi, ci concentriamo e i nostri bulbi oculari  convergono a 2 metri. Immaginate la base di un triangolo tra gli occhi e l’apice del triangolo che poggia su ciò che stai cercando. Ma se poi si guarda fuori dalla finestra e ci si concentra a venti metri e gli occhi convergono a 20 metri. Quel triangolo immaginario ha ormai “aperto” in modo che le linee di vista sono quasi parallele l’una all’altra.

Possiamo farlo. I film in 3D non funzionerebbero se non potessimo farlo. Ma è come picchiettare la testa con una mano e strofinare il vostro stomaco con l’altra  allo stesso tempo, si può fare ma è difficile. Così la “CPU” del nostro cervello percettivo deve lavorare sodo ed è per questo che dopo 20 minuti o giù di lì di visione 3D molte persone hanno mal di testa. Stanno facendo a cui 600 milioni anni di evoluzione hanno preparato. Questo è un problema profondo, che nessuna quantità di aggiustamenti tecnici è in grado di correggere. E non li risolverà neanche la produzione di immagini “olografiche” , il prossimo passo dell’evoluzione cinematografica.

Di conseguenza, l’editing di film in 3D non può essere rapido come per i film 2D, a causa di questo spostamento di convergenza: ci vuole un certo numero di millisecondi per il cervello / occhio per “capire”  ogni scatto e regolare la percezione.

E, infine, la questione dell’ immersione. I film in 3D devono indurre il pubblico a credere che si trovano dentro l’immagine. E ‘quasi un trucco brechtiano. Mentre se la storia del film ha davvero afferrato il pubblico esso si sente dentro l’immagine in una sorta di onirico spazio “senza spazio”. Quindi una buona storia ti darà più dimensionalità di quanto si possa mai affrontare tecnicamente.

Quindi: scuri, piccoli, Stroby, inducono mal di testa, alienanti. E costosi. La domanda è: quanto tempo ci vorrà per la gente a realizzare e stufarsi?

Walter Murch

Una sentenza apocalittica per il 3D. Così la pensa Waletr Murch .




L’opinione di Walter Murch sul 3D ultima modifica: 2012-02-02T23:10:19+00:00 da admin-Salvatore

Written by admin-Salvatore on febbraio 2nd, 2012 # Filed under Cinema 3d, Tv 3d # No Comment #

Leave a Reply

*

latv3d.it è un blog personale. latv3d.it non è una testata giornalistica. Il contenuto di questo sito deve intendersi come opinione personale. I commenti , anche se moderati, non sono da intendersi come approvati per il loro contenuto.

Scrivimi a info @ latv3d.it

Informazioni sui Cookies