Libratus: il software capace di sconfiggere l’uomo nel poker  

Alzi la mano chi non ha mai pensato che la mente umana sia più affidabile, precisa e intelligente rispetto a un software? E’ quello che abbiamo sempre sentito dire, almeno fino a oggi. Tutti forse avevamo letto con interesse e un pizzico di diffidenza la notizia del computer, e quindi software, capace di vincere a scacchi contro un giocatore professionista. Avveniva ormai 9 anni fa, e in quella occasione alcuni commentarono che questo non sarebbe certo mai accaduto con il poker o con giochi di carte più complessi. Oggi, però bisogna ammettere che quella congettura era errata. Anche nel poker l’uomo è stato battuto da una macchina. Non stiamo però parlando di semplici giocatori amatoriali, ma di quattro grandi professionisti che si sono prestati a questo esperimento in una lunga maratona durata 20 giorni.
Il gioco era il cosiddetto No-Limit Texas Hold’em, che in tanti conoscono per via di una fortunata esposizione mediatica degli ultimi tempi. La variante di poker sportivo più conosciuto al mondo, è stata testata da Libratus, software che è stato sviluppato alla Carnegie Mellon University, a Pittsburg, in Pennsylvania. Si tratta quindi di una data storica per il gioco e per quella che viene chiamata intelligenza artificiale. Anche la barriera del poker è stata abbattuta, e questo è senza alcun dubbio un risultato storico senza precedenti.

libratus

Il lavoro dei ricercatori, non si limita ovviamente al gioco del poker, ma attraverso esso tende a sperimentare e a migliorare un tipo di applicazione che in campo militare e sanitario potrebbe dare risultati davvero sbalorditivi, e vitali, in certi casi. Secondo il resoconto del team di ricercatori la vittoria di Libratus, non è da attribuire al caso, che come sappiamo bene è un elemento primario nelle competizioni sportive di poker texas holdem su William Hill, bensì di un lavoro metodico fatto su un calcolo di memoria da 274 terabytes. In pratica questo software-intelligente è stato in grado di studiare e analizzare alcune efficaci strategie di gioco al termine di ogni sessione giornaliera di gioco. Si tratta quindi di una vittoria che è statisticamente significativa, e su cui i ricercatori porranno le basi per portare a termine importanti studi che vanno al di là del poker e del suo utilizzo per i software di gioco.

Leggendo meglio il resoconto redatto dai ricercatori di Libratus, scopriamo quindi che l’intelligenza artificiale è stata addirittura in grado di leggere i bluff. Questo conferma dunque che un complesso calcolatore è capace di leggere informazioni, che fino a qualche anno fa credevamo fossero impensabili per un software. Oggi quindi, dopo il trionfo sugli scacchi, bisogna annotare che anche il poker non conosce segreti per questo tipo di intelligenza artificiale. Dopo il 1997 quindi, e la celebre sconfitta della scacchista Garry Kasparov, bisogna annotare anche il 2017 come importante data per il poker e per il software Libratus.

Bisogna inoltre ricordare e stabilire come nel poker all’inizio di una mano nessun computer sia in grado di stabilire le carte del suo avversario. Si tratta davvero di un momento importante per la tecnologia, che già negli ultimi anni è diventata sempre più presente nel nostro quotidiano grazie alle app degli smartphone che in certi casi ci aiutano a vivere meglio e in maniera sempre meno faticosa. Che sia davvero questo, l’inizio di una nuova era?

Libratus: il software capace di sconfiggere l’uomo nel poker ultima modifica: 2017-02-15T18:40:04+00:00 da admin-Salvatore

Written by admin-Salvatore on febbraio 15th, 2017 # Filed under Non è 3D # No Comment #

Leave a Reply

*

latv3d.it è un blog personale. latv3d.it non è una testata giornalistica. Il contenuto di questo sito deve intendersi come opinione personale. I commenti , anche se moderati, non sono da intendersi come approvati per il loro contenuto.

Scrivimi a info @ latv3d.it

Informazioni sui Cookies