ed altre tecnologie per il divertimento a casa

Google Home: prime impressioni  

3 giorni fa mi è arrivato il Google Home che desideravo tanto. Ero molto curioso di questo assistente virtuale e già giochicchiavo con l’assistente vocale di android provando a fare qualche domanda.

Adesso dopo 3 giorni di test vi voglio parlare delle mie impressioni si questo oggetto tecnologico, che ha molti lati incredibili, ma che deve crescere ancora.

Il package è molto pratico e funzionale. Nella scatola sotto il Google Home si trovano le principali istruzioni per cominciare, in piccole quadernini ripiegati, ed in fondo a tutto l’alimentatore.

La prima cosa da fare è l’installazione di Google Home e la sua configurazione. L’oggetto deve essere semplicemente collegato alla corrente e posizionato in un punto della casa raggiunto dalla rete WiFi.

Google Home

Poi bisogna scaricare l’App relativa e cominciare la configurazione piuttosto veloce: in pratica ha bisogno di poche informazioni (tipo dove abitiamo, essenziale per rispondere a domande tipo “cosa c’è al cinema?” senza specificare il luogo del cinema, o per sapere quanto tempo ci vuole ad arrivare ad un certo luogo) e la password della nostra rete WiFi.

A questo proposito bisogna specificare che se il vostro Router prevede una rete ospiti, non è adatta per essere utilizzata da Google Home, che deve interfacciarsi con la rete wifi principale. Su questo punto la mia prima configurazione non è andata a buon fine. Per ripartire con una nuova configurazione ho dovuto resettare il Google Home, tenendo premuto il tasto microfono per 10 secondi.

Cosa puoi chiedere a Google Home

Una volta collegato l’uso è immediato. Basta dire “OK Google” ed a seguire la domanda che si vuole:

  • a che ore apre la farmacia
  • quanto ci vuole ad arrivare alla Pizzeria Da Gigetto
  • Cosa fanno al cinema
  • che tempo fa domani
  • che ore sono

Si può anche usare Google Home come diffusore musicale.

  • suonami una canzone di Battisti
  • Fammi ascoltare un Jazz
  • Fammi sentire una canzone per bambini

Per ascoltare una canzone specifica bisogna collegare l’account Google Home ad un servizio Premium di Spotify o altri servizi musicali.

Naturalmente ci siamo sbizzarriti a fare domande, a chiedere un sottofondo musicale, ma anche i versi degli animali o il rumore della pioggia.

Divertente, ma pressoché inutile. Ci abbiamo giocato, ma le occasioni per avere un reale servizio di utilità da Google Home non si sono presentate, e mi immagino che anche in futuro saranno poche.

Inoltre Google Home non è in grado di leggerti una pagina web e incredibilmente Google Home non fa ricerche su Google.

Se cerco sul motore di ricerca Google “superenalotto” ottengo subito al primo rigo l’ultima estrazione del superenalotto.

ricerca su google

Se pronuncio “OK Google Superenalotto“, o anche “cerca l’ultima estrazione del superenalotto” oppure “numeri estratti al superenalotto il 19/10/19” il sistema risponde che non può aiutarmi. MA COME? devi solo dirmi il primo risultato su Google, non ho chiesto la luna (di cui peraltro mi sa indicare con perfezione la distanza).

Insomma con le domande veramente utili Google Home va in crisi, anche se la risposta non è difficile per Google.

Inoltre anche se l’App è indispensabile per utilizzare e configurare Google Home, di fatto con Google Home non c’è collegamento con lo smartphone che lo guida. Non ha accesso alla rubrica telefonica ad esempio o non può leggere gli SMS che sono arrivati. Può solo farlo squillare se non trovi dove si sia nascosto.

In definitiva Google Home è una curiosità divertente i primi giorni che lo hai in casa, ma non una vera utilità. Non so se vale la corrente che consuma essendo sempre attaccato alla rete elettrica.

Però se avete ospiti in casa può essere un piacevole passatempo e spunto di conversazioni. Si può anche usare per giocare ad una sorta di Trivial, lasciando a Google Home il compito di decretare chi ha risposto esattamente alla domanda “quanti chilometri dista la Papua Guinea dall’isola del Giglio?

Google Home: prime impressioni ultima modifica: 2019-10-21T14:41:40+02:00 da admin-Salvatore

Written by admin-Salvatore on Ottobre 21st, 2019 # Filed under Tecnologia # No Comment #

Leave a Reply

*

Utilizziamo i tuoi dati solo per poter pubblicare il tuo commento.Leggi la pagina della privacy policy per sapere come proteggiamo i dati che inserisci per commentare. I commenti sono protetti da spam da Akismet. Leggi la privacy policy di Akismet per sapere come trattano i tuoi dati.

latv3d.it è un blog personale. latv3d.it non è una testata giornalistica. Il contenuto di questo sito deve intendersi come opinione personale. I commenti , anche se moderati, non sono da intendersi come approvati per il loro contenuto.

Scrivimi a info @ latv3d.it Informazioni sui Cookies Informazioni sulla Privacy Policy